100% Homeworking
Lugano 09.08.2021
Articolo di ated-ICT Ticino

Arriva il quick commerce

I prodotti venduti online devono trovarsi vicino ai consumatori: da qui nasce il fenomeno quick commerce.

Articolo apparso sul blog ated-ICT Ticino sul TIO a questo link

I latini usavano un’espressione “hic et nunc” per definire il “qui e ora”. Un atteggiamento, quello del volere ad esempio un prodotto “subito”, che con le evoluzioni digitali e tecnologiche dei nostri giorni ci appartiene parecchio. Anche perché siamo diventati consumatori sempre più compulsivi. Non si capisce bene se per effetto della pandemia o semplicemente come tendenza che anche senza Covid si sarebbe potuta affermare. Ma un nuovo trend in atto è quello del quick commerce (o q-commerce, per essere ancora più… veloci), per cui possiamo ordinare un prodotto online e riceverlo a casa non in giornata ma in meno di un’ora o, addirittura, in una manciata di minuti

Secondo le analisi di Economyup, ad aver aperto la via, a livello mondiale, è stata Delivery Hero. Una startup con base a Berlino, quotata al DAX dallo scorso anno e presente in oltre 50 Paesi. Dopo avere attraversato un momento di difficoltà, Delivery Hero  ha ritrovato nuova linfa a partire da aprile 2020, grazie anche alla nuova formula di consegna. Formula che non si sostituisce al commercio tradizionale e neanche alla grande distribuzione, ma si propone come un suo complemento ideale: “Piuttosto che sostituire un negozio di alimentari settimanale, q-commerce è lì per completare quando c’è bisogno di un particolare set di articoli, in modo comodo e rapido”, spiega il sito.

Il Ceo e cofondatore, Niklas Östberg, ha dichiarato recentemente : “Siamo ormai entrati nell’era del commercio veloce. Questa categoria offre enormi opportunità rimaste finora in gran parte inutilizzate. Noi possiamo guidare la leadership globale in questo segmento emergente “.

Delivery Hero, per assicurare il servizio, utilizza magazzini urbani denominati Dmarts (delivery-only local warehouses). Chiamati anche dark store o negozi cloud, sono proprio questi spazi – movimentatissimi ma non aperti al pubblico – a costituire la chiave di volta dell’impianto q-commerce. Sono il loro numero e la loro distribuzione capillare a rendere possibile il servizio. Devono essere “centrali” e posizionati in modo strategico. L’appetibilità del servizio si gioca invece sulla capacità di indovinare cosa mettere in stock. 

Delivery Hero dichiara di gestire oltre 600 dmarts in 35 Paesi. Nel primo trimestre del 2021, complice anche la pandemia, ha registrato un balzo in avanti negli ordini di oltre il 400 per cento e prevede un’ulteriore crescita nel corso dell’anno. 

 

Che il q-commerce sia la nuova frontiera del retail è molto chiaro anche al cofondatore di Glovo. “Il trend per il futuro è evidente: i prodotti venduti tramite e-commerce devono trovarsi vicino ai consumatori, e questo si traduce in pratica nei dark store, i magazzini in città”, ha spiegato il cofondatore, Oscar Pierre, al sito specializzato Sifted. La startup spagnola ai inizio aprile ha chiuso con 450 milioni di euro un round di serie F guidato da Lugard Road Capital e Luxor Capital Group, al quale ha partecipato anche Delivery Hero. E conta di utilizzare queste risorse per rafforzare i suoi servizi nei mercati in cui è attualmente operativa, con una particolare attenzione al q-commerce, ossia all’ampliamento della rete dei dark store, che al momento sono una ventina. L’obiettivo dichiarato è arrivare ad averne 200 nel mondo a fine 2021. 

 

Tra le società che hanno scelto di cavalcare questa nuova tendenza in atto c’è anche la turca Getir , che in patria “copre” sette città, a febbraio è sbarcata a Londra e sta pianificando lanci anche a Berlino, Parigi e Amsterdam. Un altro nome da tenere d’occhio è Wolt. La startup finlandese, presente con il suo servizio di delivery davvero in mezzo mondo, sta progettando investimenti consistenti nel quick commerce e nell’avvio di dark store. FoodPanda, che fa base a Singapore e ha fatto da apripista al q-commerce in Asia, ha stretto accordi con Muji, Ikea, Tesco e altri marchi globali, proprio per proporre alla sua clientela anche alcune referenze firmate in prontissima consegna.

 

Come commenta ancora Economyup: “in altre parole, il movimento c’è, è intenso e rivolto a un’utenza eterogenea e potenzialmente in crescita. Non riguarda solo gli algoritmi ma anche gli assetti urbani. I big dell’e-commerce – Amazon in primo luogo – e i proprietari dei grandi magazzini di stockaggio fuori città sono avvisati”.

 

***

 

CHI È ated – ICT Ticino

ated - ICT Ticino è un’associazione indipendente, fondata e attiva nel Canton Ticino dal 1971, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie e alla trasformazione digitale. Dal suo esordio, ated - ICT Ticino organizza manifestazioni e promuove innumerevoli conferenze, giornate di studio, visite e viaggi tematici, workshop e corsi. ated - ICT Ticino collabora con le principali istituzioni pubbliche e private, enti e aziende di riferimento, nonché altre associazioni vicine al settore tecnologico e all’innovazione. Grazie alla costante crescita qualitativa dell’attività svolta sul territorio, ated – ICT Ticino si propone come l’associazione di riferimento nell’ambito economico, politico ed istituzionale del cantone, in grado di favorire il dibattito tra aziende e professionisti e capace di coinvolgere le giovani generazioni, grazie ai percorsi promossi dal programma ated4kids e da tutte le sue altre iniziative.

 

Per ulteriori informazioni

ated – ICT Ticino

Email: media@ated.ch

 

 

Seguici su Facebook


Iscriviti alla newsletter

newsletter

Gli ultimi articoli

Articoli correlati

Parliamo di QR Bill

Lugano 27.06.2022
La QR-Fattura diventa obbligatoria a partire da ottobre 2022. Un’innovazione, che darà una spinta al cambiamento e alla digitalizzazione dei pagamenti in Svizzera

Il Pharma tra tecnologia e innovazione

Lugano 13.06.2022
Il caso di Helvetic BioPharma fondata nel 2017 in Ticino, i primi farmaci saranno sul mercato entro il 2023.

Cristina Giotto nuovo Presidente di ated-ICT Ticino

Lugano 08.06.2022
Luca Mauriello diventa Vice Presidente. Altri nuovi ingressi nel Comitato: Marziale Brusini, Milena Folletti, Silvia Rovati e Tiziano Leidi.

Swiss Virtual Expo conquista Milano

Lugano 27.05.2022
“House of Switzerland” ha ospitato presso la Casa degli Artisti di Milano il primo metaverso elvetico.

AWS nuova regione Zurigo in arrivo

Lugano 13.05.2022
Amazon Web Services (AWS) può semplificare e rendere più sicure le attività per le imprese che intraprendono una loro evoluzione digitale.

La Cina ha bloccato l’accreditamento di Wikimedia Svizzera

Lugano 10.05.2022
La Cina impedisce l’accesso all’agenzia delle Nazioni Unite WIPO per Wikimedia Svizzera e altri capitoli nazionali

I nostri Sponsor

Copyright 2022 - Made by ORGANICA - Modifica le preferenze per i cookies

Per offrirti una migliore esperienza questo sito utilizza cookie tecnici ed a fini statistici e di marketing.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per saperne di più e modificare le tue preferenze consulta la nostra cookie policy.

Modifica Chiudi e accetta