100% Homeworking
Lugano 09.07.2021
Articolo di ated-ICT Ticino

Comunicazione e crisi: come gestirla

Un libro di Andrea Polo aiuta ad affrontare le crisi e uscirne vincenti (con la giusta comunicazione)

Articolo apparso sul blog ated-ICT Ticino a questo link

 

La crisi si sa è un aspetto o evento poco felice, che nostro malgrado può investirci nel modo più inaspettato. Può toccare il nostro lavoro, come la nostra vita privata e anche la sfera politica. Ma oggi c’è un libro dal titolo "Crisis Therapy", scritto da Andrea Polo, che in modo puntuale affronta l’ampio argomento, alternando taglio tecnico ed esempi pratici. Un’utilissima lettura adatta a un pubblico molto vasto e trasversale, per capire come possiamo affrontare e gestire al meglio le crisi da un punto di vista della comunicazione. 

Andrea è un abilissimo professionista delle Relazioni Pubbliche, oggi a capo dell'ufficio relazioni esterne di Facile.it, ma ha lavorato in eBay ed è guest teacher in molti corsi universitari e master, ad esempio presso l'Università di Siena. Nel suo libro sulle crisi, edito dal Sole 24 ORE con prefazione di Debora Rosciani, nota giornalista di Radio 24, ha il merito di illustrare sia gli strumenti sia le tecniche per reagire e gestire al meglio la comunicazione in tempo di crisi.

Lo abbiamo intervistato, ovviamente per via digitale, e abbiamo commentato insieme a lui alcune crisi in cui la tecnologia ha assunto un ruolo fondamentale per innescare o mitigare l’evento avverso.

Andrea, leggendo il tuo libro mi ha colpito un esempio che hai inserito. Si tratta del disastro della centrale ucraina di Chernobyl, in cui spieghi come già all’epoca le tecnologie hanno svolto un ruolo fondamentale, svelando al mondo la catastrofe nuclelare. Ci racconti il ruolo della tecnologia in questa situzione?

Si tratta di una vicenda che tutti ricordiamo con grande angoscia. L'incidente di Chernobyl del 26 aprile del 1986 causò la dispersione nell'atmosfera di grandi quantità di materiale radioattivo, trasportato dalle masse d'aria in tutta l'Europa e, naturalmente, anche in Svizzera. In quell’occasione, se le prime avvisaglie furono individuate sotto forma di nubi in Scandinavia, in realtà dalla Russia, responsabile allora del sito ucraino, non arrivarono per giorni né conferme nè ammissioni. Un ruolo determinante fu svolto proprio dalla tecnologia, ovvero dai satelliti USA, che tramite foto proventienti dallo spazio svelarono il disastro in atto. A quel punto il Cremlino fu costretto ad ammettere, dopo un imbarazzato silenzio - che durante una crisi è sempre molto pericoloso e problematico - che in effetti c’era qualche problema in Ucraina, nel sito di un reattore nucleare. Ma il ruolo della tecnologia non si è fermato qui. Infatti, i satelliti non solo ripresero con immagini l’incendio, ma carpirono anche le avvisaglie dell’esplosione ignorate dai russi, attraverso foto scattate nei giorni precedenti lo scoppio del reattore numero 4. 

Un’altra crisi che analizzi e racconti molto bene è quella che riguarda la Barilla. Un’improvvida dichiarazione del presidente del Gruppo, Guido Barilla, sul fatto che l’azienda avesse come principale riferimento di consumo la famiglia tradizionale e non le coppie dello stesso sesso. Un evento del 2013 che ebbe già all’epoca un grandissimo rilievo sui social network. Oggi secondo te un caso del genere che tipo di onda o effetto avrebbe? 

Senza alcun dubbio deflagherebbe in modo anche più violento e rapido. La diffusione dei social oggi impone reazioni rapide e pronte, così da placare effetti particolarmente sgradevoli. Nell’occasione che tratto ampiamente nel libro, di nuovo i tempi sono stati molto dilatati. Risposte tardive, per di più sui canali sbagliati, ovvero sui media tradizionali e sul sito istituzionale di Barilla, mentre il disappunto si allargava a macchia d’olio sui principali social network. Ma in prospettiva la reazione e strategia successiva di comunicazione messa a punto dal Gruppo sono state vincenti. Al punto che nel giro di un paio di anni Barilla si è vista riconoscere notevoli progressi nelle classifiche di valore del brand, frutto soprattutto delle azioni messe in campo relativamente all’inclusione e attenzione al tema della diversità per i dipendenti e collaboratori. A dimostrazione che da una crisi si può e si deve evolvere aziendalmente.

E infine un caso verificatosi nei giorni scorsi. Volevo chiederti della presunta crisi legata alla Coca Cola, scatenata qualche settimana fa da Cristiano Ronaldo, che nel corso di una conferenza stampa ha spostato due bottigliette dal tavolo della conferenza stampa durante gli Europei. Cosa ne pensi? È proprio una crisi per la società di Atlanta o una gaffe di CR7?

Mi sembra una classica tempesta perfetta! Iniziamo con il dire che Coca Cola nulla può in questo caso, perché è vittima di un comportamento un po’ sopra le righe da parte di un giocatore, che perlatro è anche un influencer con centinaia di milioni di followers. Peraltro, trovo anche divertente la polarizzazione sul tema che si è creata con l’iniziativa sopra le righe di CR7. Intendo dire che, visto che Ronaldo è molto divisivo nei suoi comportamenti a metà fra campione, azienda lui stesso e testimonial, spesso viene attaccato da chi non lo ama. Alla fine, a mio modo di vedere, Coca Cola è risultata la vittima, e quindi, anche più simpatica del giocatore, come dimostrano alcuni “meme” in rete molto divertenti e spassosi. Mi sembra semplicistico legare interamente la perdita in borsa di 4 miliardi di dollari al gesto di Ronaldo, con mercati così volatili… e poi il vero danno per Coca Cola ci sarebbe stato se fosse partita una campagna per boicottare le bibite gasate, evento che proprio non si è innescato!

***

 

CHI È ated – ICT Ticino

ated - ICT Ticino è un’associazione indipendente, fondata e attiva nel Canton Ticino dal 1971, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie e alla trasformazione digitale. Dal suo esordio, ated - ICT Ticino organizza manifestazioni e promuove innumerevoli conferenze, giornate di studio, visite e viaggi tematici, workshop e corsi. ated - ICT Ticino collabora con le principali istituzioni pubbliche e private, enti e aziende di riferimento, nonché altre associazioni vicine al settore tecnologico e all’innovazione. Grazie alla costante crescita qualitativa dell’attività svolta sul territorio, ated – ICT Ticino si propone come l’associazione di riferimento nell’ambito economico, politico ed istituzionale del cantone, in grado di favorire il dibattito tra aziende e professionisti e capace di coinvolgere le giovani generazioni, grazie ai percorsi promossi dal programma ated4kids e da tutte le sue altre iniziative.

 

Per ulteriori informazioni

ated – ICT Ticino

Email: media@ated.ch

Seguici su Facebook


Iscriviti alla newsletter

newsletter

Gli ultimi articoli

Articoli correlati

Rebranding: di cosa si tratta, come si fa e perché farlo

Lugano 25.10.2021
Parliamo di una sStrategia di marketing volta a rinnovare l‘immagine di un'azienda o di un prodotto.

Un unicorno di nome Canva

Lugano 05.10.2021
La piattaforma è usata da chi realizza presentazioni, brochure e volantini. Ha raccolto 200 milioni e vira verso la produzione di video e interazioni dal vivo

TikTok vs YouTube

Lugano 29.09.2021
Un'indagine rivela che gli utenti ora trascorrono più tempo a guardare video su TikTok che su YouTube

La nostra immagine viaggia on e off line

Lugano 15.09.2021
Quanto conta curare la propria immagine online e offline nell’era post Covid? Lo rivela Isabella Ratti nel suo ultimo libro

Tecnologia e falsi miti

Lugano 19.07.2021
Ci sono alcuni luoghi comuni della tecnologia che è opportuno sfatare

La Signora degli anelli e il suo show-room in una SMART

Lugano 14.06.2021
La chiusura del negozio fisico durante la pandemia ha aperto a nuove formule di vendita.

I nostri Sponsor

Copyright 2021 - Made by ORGANICA - Modifica le preferenze per i cookies

Per offrirti una migliore esperienza questo sito utilizza cookie tecnici ed a fini statistici e di marketing.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per saperne di più e modificare le tue preferenze consulta la nostra cookie policy.

Modifica Chiudi e accetta